Grande novità questo mese nel panorama gastronomico a Napoli: si chiama T’imballo, il nuovo locale di Via Cilea al Vomero dedicato interamente alla pasta, ma declinato in versione foodporn.

Le menti dietro a questa scoppiettante novità food sono Andrea Porro e Carlo Cuomo (cofondatore di NapoliFoodPorn – il popolarissimo foodblog da milioni di followers e foto ad alto contenuto lipidico). I timballi non sono fritti, ma cotti al forno (non chiamateli frittatine) e per il format street food sono presentati tagliati a metà , in un effetto scenografico perfetto per le foto e per l’esclamazione wow. I creatori del format reinventano così il timballo di pasta dandogli un tocco gustoso in più.

Cotte al forno, le formelle si presentano avvolte in un croccante rivestimento di pasta fillo e sono proposte in 8 squisitissimi gusti, tra cui quello a fagioli e cozze e quello crema di genovese, pecorino sardo dolce e provola.

Per garantire la qualità del prodotto, in una zona dove la competizione è alle stelle (a pochi passi c’è il PuokBurger Store di Egidio Cerrone), gli orari di apertura al pubblico di T’imballo saranno limitati e la produzione centralizzata. Siamo certi il locale sarà preso d’assolto dai fan incuriositi e pioveranno milioni di scatti food in perfetto stile foodporn.

Il timballo è una pietanza cotta in forno in un’apposita formella e contiene sempre ingredienti ricchi e saporiti. E’ un piatto ricco e sostanzioso, perfetto da mangiare a pranzo e che stimola l’appetito e la fantasia. Il timballo prende il nome dall’omonimo stampo in cui veniva originariamente preparato: un contenitore di forma cilindrica con diametro uguale all’altezza. Sembra che la ricetta risalga al XVI secolo e in genere è attribuita alla tradizione napoletana e siciliana. Anche Giuseppe Tomasi di Lampedusa nel suo celebre romanzo “Il Gattopardo” cita il timballo come un piatto delizioso e fragrante, allora che aspettate a provarlo in versione foodporn al Vomero?