Juve-Napoli 2-1: la vendetta dell’ex. Higuain regala 3 punti fondamentali per lo scudetto della Juventus portando il Napoli a -7. Sarri & Co sono fuori dai giochi, se mai ne avessero avuto l’opportunità.

Primo tempo discreto per il Napoli, che riesce a bloccare tutte le fonti di gioco della Juve e a non far toccare palla a Higuain. Koulibaly migliore in campo per il Napoli insieme al solito Callejon (perfettamente imbeccato da Insigne) e al sorprendente Diawara (lanciato da Sarri dal primo minuto). Il giovane ex Bologna ha dato solidità al centrocampo azzurro e ne ha giovato anche la difesa. Il primo tempo si chiude sullo 0-0 con nessun tiro in porta, ma con un Napoli padrone del gioco che costringe la Juve a numerosi falli da ammonizione. Con l’uscita di Chiellini per infortunio cambia la partita e lo si noterà nel secondo tempo. Allegri, infatti, retrocede Lichtsteiner a difesa e inserisce Cuadrado. Il Napoli si sgretola a poco a poco con la velocità del colombiano e ma crolla per l’ennesimo svarione difensivo. Ghoulam svirgola maldestramente un rinvio in area e regala un assist perfetto a Bonucci che, al volo, insacca:1-0.

Fortunatamente il Napoli riprende a giocare e dopo pochi minuti confeziona un’azione pregevole: assist al bacio di Insigne per Callejon a tu per tu con Buffon: 1-1. Esplode Napoli. Ma è solo un’illusione. Altro batti e ribatti in area del Napoli, palla ad Higuain, botta secca e 2-1. Lo Juventus stadio gongola per il Pipita, che non esulta per “rispetto” ai suoi ex compagni. Nel finale il Napoli sfiora il pari su angolo con conseguente mischia in area. Ma l’assenza di una punta vera ha pesato tantissimo contro la difesa della Juve.

Stavolta Higuain era dall’altra parte: un pallone toccato, un tiro, un gol, 3 punti e ipoteca sullo scudetto.

Per il Napoli da segnalare anche l’ennesimo litigio tra Insigne e Sarri al momento della sostituzione di Lorenzo con Giaccherini, platealmente non condivisa dall’attaccante azzurro e che si spiega, forse, con l’intento di Sarri di porre un freno alle scorribande di Cuadrado. Mossa sbagliata: il Napoli si è abbassato molto dopo il pareggio. In quella mossa sta forse la sconfitta del Napoli.