È il giorno della Festa di San Gennaro a Napoli e due giovani donne scopriranno di essere molto più coraggiose di quel che pensavano. La prima è una scrittrice napoletana esordiente, tale Vittoria Benincasa che, per terminare il suo ultimo racconto è disposta a tutto, persino a superare i confini della fantasia; la seconda è una turista francese Greta Le Clerc – benestante, abituata al lusso e alla vita agiata, ma dall’animo sensibile e ribelle – che in attesa del miracolo del Santo cercherà di salvare Napoli da uno strano sortilegio. Inizia così la trama del libroUn punto nel cerchio del tempo” di Josy Monaco, acquistabile su Amazon al costo di 10,35€ (oltre la versione cartacea, è disponibile quella digitale al costo di 3,50 in più; chi è abbonato a Kindle Unlimited può leggerlo gratis).

Si definisce libera, curiosa e passionale la giovane autrice che cura anche un suo blog “I racconti della fata uncina” dove pubblica racconti a puntate ispirati al mondo dei viaggi femminili e del cibo. Vi consigliamo i bestsellersStoria di una ladra di fichi“, “Sugarfree” e “Debordia. La città degli (a)social“. Da qualche tempo è nata anche la rubricafate coraggiose” dedicata alle ragazze della porta accanto che sono riuscite a creare realtà virtuali interessanti, cambiando in meglio la propria vita.

Innamorata della sua città Napoli di cui ama particolarmente 3 cose – i colori, la storia e la solarità delle persone (e ovviamente la pizza), Josy Monaco ha reso omaggio alla sua terra con questo splendido libro “Un punto nel cerchio del tempo” dove le 2 protagoniste passeggiano in luoghi noti della città come il Centro Storico (Piazza Bellini è il luogo dove Vittoria Benincasa inizia a scrivere il suo libro), Spaccanapoli, i castelli, il Duomo, il Vesuvio, il cimitero delle fontanelle. L’autrice sfida il lettore a riconoscere i luoghi a lui cari, ma da lei ridisegnati sulle corde della fantasia. Nel libro ampio spazio è dedicato al cibo tipico napoletano: pizza, fritture, mozzarella, la classica marenna, la sfogliatella, il babà, lo sciù alla nocciola e ovviamente il caffè.

Il libro racconta una Napoli insolita attraverso il potere della fantasia e dell’evasione, ed è destinato agli amanti del genere fantastico e ai lettori di tutte le età che amano sognare.

L’ispirazione è venuta a Josy Monaco all’età di 17 anni quando proprio nel giorno di San Gennaro ha iniziato a immaginare la storia di un personaggio femminile intrappolato sotto terra nei pressi del Duomo di Napoli. Nel corso degli anni si sono aggiunti i vari tasselli e la storia ha preso vita fino a giungere alla pubblicazione quest’anno.

Vi abbiamo incuriosito? Allora correte a scoprire il destino delle protagoniste di “Un punto nel cerchio del tempo“.